E come Epocale

Possiamo sicuramente dire che siamo in un periodo epocale: è successo uno di quegli eventi che accadono una volta al secolo (speriamo!).

Questo essere visibile solo al microscopio, chiamato Coronavirus, sta sconvolgendo il modo di vivere di quasi tutto il globo, le abitudini, l’economia e il futuro dei ragazzi . Non si è mai visto, dal secondo dopoguerra, che gli studenti dovessero rimanere a casa per così lungo tempo, senza poter andare a scuola, il che potrebbe essere un punto a sfavore per questa generazione.

Tutti noi stiamo combattendo una guerra, ognuno in modo diverso: i medici e gli infermieri in prima linea, che rischiano il contagio; le autorità che chiedono ai cittadini di rimanere a casa; noi cittadini che siamo i soldati di retrovia che, rimanendo nelle proprie abitazioni, arginiamo il rischio di essere contagiati e di contagiare.

Dal punto di vista psicologico il virus sta facendo “impazzire” le persone perchè  diventano insofferenti : il non poter più abbracciarsi, il non poter più frequentare i nonni, i parenti stretti, gli amici. Il non poter praticare sport poi in questo momento incide anche sulla salute e sulla condizione fisica.

Pensare che questa pandemia sarà letta sui libri di scuola dalle prossime generazioni, mi fa sentire responsabile e partecipe di un evento epocale, mio malgrado.

Guido Smorti

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...