Ritratti immaginari. U MEICCATO I’ PALIEMMO

Il mercato brulicava di vita. In quel tripudio di colori, suoni, odori riconobbi il profumo del pesce fresco che proveniva a una busta gialla di una ragazza dai capelli neri. La conosco, è Teresa. E’ sempre stata bella come il sole. Indossava un vestito bianco aderente che si abbinava perfettamente alla sua tonalità di pelle alla mediterranea. Saliva per via Peppino Impastato. Mentre attraversava il mercato incontrò Peppino u’ Manciaracina, appena sceso da casa sua diretto a prendere il sedano a sua moglie, a cui serviva per il ragù. Si misero a parlare del più e del meno, non si vedevano dai tempi delle medie, perchè Peppino andò a lavorare, ma erano molto amici. Si salutarono ed ognuno di loro andò per la propria strada. Teresa si diresse all’uscita del mercato, dove scoprì che veniva fissata da una donna di età avanzata, una donna ignorante. Era solita a giudicare la gente per ogni minima cosa, per come si veste, per come si comporta e per come si concia. Era una donna così ignorante da avere una mente ottusa, incapace di andare oltre a quel quartiere di Palermo. Indossava un vestito bianco e grigio a quadri e dei mocassini non di qualità. Aveva i capelli acconciati con un mollettone, bianchi, tendenti al grigio. Era vedova e una donna sola, perciò se ne stava lì tutti i giorni, a fissare ogni minimo dettaglio di venditori, clienti e passanti. Passò un uomo, anche lui abbastanza vecchio, ma non troppo. Dava l’idea di una persona orgogliosa. Indossava un pantalone grigio ed una camicia bianca dentro. Si vedeva che era un uomo tutto di un pezzo. Si faceva chiamare u’ zio Totò ed era molto rispettato da tutti. Comprò cinque bistecche di maiale da Salvatore, macellaio di fiducia di tutti. Era un mercato molto piccolo ma molto famoso per la frutta fresca e la carne ed il pesce buoni in tutta la Sicilia. Quando si entra, all’insegna si vede una scritta, :” U MEICCATO I’ PALIEMMO”. Alle 19:00, il mercato chiude, ma anche domani c’è il mercato del pesce fresco.

Mara Cerasa

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...