PASQUINO ovvero la statua parlante

 

La statua del Pasquino risale al lll secolo a. C.. Rappresenta il Dio Mercurio o forse rappresenta un guerriero greco; oppure due guerrieri dove l’ uno sorregge l’ altro.

Fu ritrovata  durante alcuni scavi  nel 1501 sotto il palazzo Orsini, lo stesso posto dove venne collocata dopo il ritrovamento. Dal tempo del Risorgimento, i romani usavano questa statua per criticare il governo, attaccandoci dei fogli con scritte rime di critica.  Tutte le mattine le guardie toglievano questi fogli dalla statua, ma il popolo li aveva già  letti.Ancora oggi  viene usata per questo scopo e per questo viene chiamata “statua parlante”, come altre sei statue parlanti di  Roma.

La statua rappresenta un simbolo di libertà per i romani di oggi e di tempo fa. L’ autore è sconosciuto e non sappiamo di quale  materiale è fatta la statua. Era stata costruita per lo Stadio di Domiziano, poi si diffuse l’usanza di attaccarle i fogli al collo, che erano detti “pasquinate” per il nome della statua.

Soprattutto il papato aveva paura del Pasquino: infatti i papi furono i primi a cercare di distruggerlo. Per questo non possiede alcune parti del corpo e la faccia è rovinata.

Il fatto di essere una “statua parlante” la rende particolare rispetto ad altre statue dell’antichità.

Tiberio Battaglini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...